AMERICAN PIE (APPLE PIE)

Torta rustica americana, strano considerando quei cakes alti 20 centimetri e variopinti.

INGREDIENTI:

farina

burro

sale

acqua freddissima

aceto di mele

mele renette o granny smith

cannella

noce moscata

zucchero semolato

latte

limone.

In sostanza la base è una pasta brisée composta da farina e burro principalmente.

Predisponete in una ciotola la farina, un pizzico di sale ed il burro (500/250)

Lavorate sino ad ottenere una grana sottile.

Addizionate all’acqua freddissima due cucchiai di aceto di mele.

Impastate.

Ricoprite con pellicola e fate riposare in frigo per 1 ora.

Lavate ed asciugate le mele.

Riducete le mele a tocchetti e tuffatele in acqua e limone..

Pesate lo zucchero.

Scolate le mele e aromatizzatele con cannella e noce moscata.

Fondete lo zucchero con poca acqua  in una casseruola antiaderente. Quando le bolle saranno lente aggiungete circa 60 grammi di burro e proseguite sino a lieve biondore.

Aggiungete le mele e cuocete sino a renderle un pò morbide.

Spegnete la fiamma.

Prelevate la pasta dal frigo almeno 30 minuti prima di lavorarla e dividetela in due porzioni uguali.

Mettete la pasta tra due fogli di carta forno e spianate a disco.

Così….  in questa maniera non vi ritroverete la farina sin dentro le narici.

Imburrate una pirofila o una teglia per dolci.

adagiate sul fondo il primo disco.

Versate le mele a “montarozzo”.

Coprite con il secondo disco di pasta.

Qui ho commesso un errore. Dopo avere sigillato i due dischi con una spennellata di latte, la pasta in eccesso deve essere rifilata oltre al bordo della pirofila e non come vedete nella foto. Dovrà formare praticamente un coperchio.

Spennellate con latte.

Infornate: a 200°C per 40 minuti, poi spennellate ancora con il latte e infornate ancora per altri 40 minuti a 180°C, infine spennellate ancora con il latte e infornate a 170°C per altri 40 minuti.

Sfornate e mettete sul davanzale in attesa di Onofrio.

Fabio

Ecco le ultime fasi affette in prima istanza da errore riviste:

Pizzicate il bordo.

Rifilate.

Ve la mostro anche di lato.

E una volta cotta non vi sarà fuoriuscita di liquido (che comunque poi gelifica come marmellata).

E di lato è così:

Ora è da considerarsi perfezionata.

Fabio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...