PASTA E FAVE

Credo sia proprio la mia pasta preferita!

Una pasta di primavera, Vero che è possibile utilizzare le fave congelate ma, volendo usare quelle fresche, il preiodo in cui è possibile reperirle è molto breve, neanche un mese, tra aprile e maggio.

INGREDIENTI:

fave – fresche

cipollotto

parika dolce

olio extravergine di oliva

pasta – ditali o mezze maniche, meglio lisce, ma se non le trovate ripiegate sul tipo rigato.

Prendete le fave.

wpid-20150418_195653.jpg

Sgranate le fave.

wpid-20150418_200853.jpg

Sbucciate il cipollotto e rosolatelo in olio di oliva

wpid-20150418_200845.jpg

Aggiungete le fave e una spolverata di sale.

wpid-20150418_201306.jpg

Date una sfiammata poi abbassate la fiamma al minimo e lasciate andare coprendo la casseruola con un coperchio.

Le fave saranno pronte quando il loro verde chiaro diventerà verde marcio, eventualmente aggiungete mezzo bicchiere di acqua durante la cottura.

wpid-20150418_204929.jpg

A fine cottura spolverate con abbondante paprika dolce.

wpid-20150418_205004.jpg

Mescolate.

wpid-20150418_205100.jpg

Lessate la pasta e aggiungetela alle fave. Mescolate.

wpid-20150418_214312.jpg

Impiattate.

wpid-20150418_214445.jpg

Fabio

Annunci

CARCIOFI ALLA ROMANA

Ma quanto mi piacciono i carciofi?

Questa è una ricetta veloce ma super, pochi ingredienti semplici e un risultato che esalta il sapore dell’ingrediente principale.

INGREDIENTI:

carciofi – mamme, ma anche altri tipi

prezzemolo

aglio

olio extravergine di oliva.

Per prima cosa i carciofi.

wpid-20150418_201711.jpg

Per seconda cosa l’acqua acidulata per non fare annerire i carciofi mondati.

wpid-20150418_201626.jpg

Mondate i carciofi eliminando foglia dopo foglia quelle più coriacee. Eliminate la parte superiore con un taglio netto, eliminate il gambo proprio sotto alle foglie ed eliminate la corteccia laterale.

wpid-20150418_202852.jpg

Preparate aglio sbucciato e prezzemolo senza i gambi.

wpid-20150418_203408.jpg

Aprite i carciofi delicatamente uno per uno e riempiteli col prezzemolo ed uno spicchio di aglio.

wpid-20150418_203840.jpg

Mettete dell’olio in una casseruola, adagiatevi i carciofi e spolverate di sale.

wpid-20150418_204026.jpg

Accendete la fiamma, prima un pò sostenta e poi bassa, aggiungere mezzo bicchiere di acqua, coprite e lasciate andare.

Ogni tanto muovete delicatamente e versate sui carciofi un pò di fondo di cottura.

I carciofi saranno cotti quando una forchetta potrà affondarci dentro senza resistenza. Impiattate.

wpid-20150418_220157.jpg

Fabio

INSALATINA DI CARCIOFI E GRANA

E siamo ancora sul carciofo, il “principe dell’orto”.

INGREDIENTI:

carciofi

formaggio grana

olio extravergine di oliva – delicato

limone

pepe bianco – macinato

sale.

Predisponete una ciotola con acqua, succo di un limone e limone in pezzi.

IMG_7378

Prendete i carciofi.

IMG_7377

Puliteli molto bene, ovvero eliminate, senza paura di sprecarli, le foglie più dure, eliminate la corteccia del gambo, eliminate la parte più alta e, nel caso fosse presente all’interno una barba pungente, a seconda del tipo di carciofo, sforbiciatela.

Via via che i carciofi sono mondati tuffateli nella ciotola contenente l’acqua acidulata per lo sbiancamento.

IMG_7379

Prendete il grana a riducetelo in scaglie.

IMG_7382

Preparate una citronette emulsionando  olio, limone, sale e pepe. Olio e limone più o meno nella stessa quantità.

IMG_7381

Affettate i carciofi in striscioline sottili nel senso delal larghezza.

IMG_7383

Trasferite la citronette in una ciotola.

IMG_7384

Unitevi i carciofi.

IMG_7385

Mescolate per un pò per fare insaporire.

IMG_7386

Aggiungete anche metà delle scaglie di grana.

IMG_7394

Impattate e cospargete ancora con qualche scaglia di grana.

IMG_7398

Fabio

LOMBRICHELLI ALLA VITORCHIANESE

Durante una visita a Vitorchiano, in provincia di Viterbo, per ammirare il parco Moutan, la più grande collezione di peonie esistente al mondo, almeno così pare e dicono, ho assaggiato questo piatto al ristorante del parco.

INGREDIENTI:

pomodorini

olio extravergine di oliva

aglio

guanciale

finocchietto selvatico

pasta fresca – tipo bucatini senza buco 🙂

Lavate i pomodorini.

IMG_7413

Sbollentateli per 10 minuti in abbondante acqua salata.

IMG_7417

Scolateli e passateli al passaverdure.

IMG_7420

Predisponete del guangiale in fette poco spesse su un tagliere.

IMG_7415

Ricavatene dei quadrucci.

IMG_7416

Rosolate uno spicchio di aglio in olio di oliva.

IMG_7414

Rosolate il guangiale.

IMG_7418

Eliminate l’aglio.

IMG_7421

Aggiungete la passata e un pò di sale.

IMG_7422

Fate restringere a fiamma passa.

Pulite, asciugate e spiluccate il finocchietto selvatico.

IMG_7425

Lessate e scolate la pasta, trasferite in un piatto da portata, aggiungete abbondante sugo e cospargete di finocchietto.

IMG_7426

Fabio

SIGARETTE AL RADICCHIO

Questa è la versione classica della pasta al radicchio rispetto a quella più moderna postata in precedenza.

Versione universitaria 🙂

INGREDIENTI:

radicchio – di Chioggia

scalogno

olio extravergine di oliva

brodo vegetale granulare

vino bianco

formaggio parmigiano – grattugiato

pasta – sigarette.

Affettare lo scalogno.

IMG_7399

Lavare, asciugare e spezzettare il radicchio.

IMG_7400

Imbiondire lo scalogno in olio di oliva.

IMG_7402

Aggiungere il radicchio e cospargere di brodo granulare.

IMG_7403

Lasciare appassire il radicchio permettendo l’eliminazione della sua acqua.

IMG_7404

Sfumare con poco vino bianco.

Lessare la pasta e trasferirla nella padella.

IMG_7406

Mescolare e trasferire in una ciotola e aggiungendo abbondate parmigiano.

IMG_7408

Mescolare.

IMG_7409

Impiattare.

IMG_7410

Fabio

UOVO ALLA COQUE

L’uovo alla coque è una modalità tra le più classiche per cuocere l’uovo.

Sono necessari piccoli accorgimenti per ottenerlo perfetto. L’albume deve avere una consistenza soda e il tuorlo cremosa.

A seconda della dimensione dell’uovo i tempi possono leggermente variare, oppure con i tempi standard si posso ottenere dei risultati leggermente diversi; di una delle due l’una.

Prendere un uovo, a me piace grande.

Extrafresco.

IMG_7387

Con un ago grosso e qualcosa da utilizzare a mò di martellino praticare un buchetto sulla parte meno tonda.

IMG_7388

Portare all’ebollizione un pentolino di acqua con un pò di aceto.

Immergere l’uovo quando l’acqua è già all’ebollizione.

Attendere tre minuti pieni, quindi spegnere la fiamma ed estrarre l’uovo.

IMG_7391

Con un apposito martellino o col dorso di un cucchiaino battere la sommità del guscio per romperlo, prelevare ed eliminare i frammenti.

Prelevare una parte dell’albume per scoprire il tuorlo.

A me piace accompagnato con fettucce di pane tostato ed imburrato, e con l’aggiunta di sale e pepe nero macinato via via che gusto il tuorlo.

Fabio

CARNE ALLA PIZZAIOLA

Da piccolo mi è sempre piaciuta questa semplice ricetta a base di carne e pomodoro e tuttora continuo a prepararla di tanto in tanto. Pochi passaggi, poi del tempo in autonomia, e dopo una mezz’ora a fiamma bassisima, si torna in cucina per impiattare.

INGREDIENTI:

carne – manzo o vitello, fesa

passata di pomodoro – liscia

capperi

origano

peperoncino – facoltativo

olio – extravergine di oliva

sale.

Scaldate poco olio in una casseruola, adagiatevi le fettine di carne e cospargete di sale e origano.

IMG_7335

Girate un paio di volte sino a quando la carne non sarà divenuta bianca e comincerà a eliminare la sua acqua.

IMG_7336

Quando siete ancora in presenza dell’acqua di cottura aggiungete i capperi ed il peperoncino, eventualmente dolce.

Fate evaporare completamente l’acqua che la carne avrà eliminato. A questo punto aggiungete la passata e acqua nella quantità che la bottiglia della passata stessa può contenere.

IMG_7337

Girate, portate a bollore, poi abbassate la fiamma, coprite quasi completamente con un coperchio e fate “pippiare” come per il ragù.

Quando il sugo si sarà addensato il piatto sarà pronto.

IMG_7340

Impiattate e servite.

IMG_7355

Fabio