Archivi tag: cotolette

COTOLETTA IN CARPIONE

Avete preparato abbondanti cotolette? Se qualcuna avanza mettetela sotto carpione e sarà più buona di prima.

In realtà credevo di aver già pubblicato la ricetta delle cotolette, in realtà ho postato solo le minicotolette, in futuro pubblicherò la ricetta classica.

Il carpione è una modalità antica di conservazione del pesce e della carne, è un intingolo a base di cipolle e aceto, motivo per il quale questi due ingredienti devono piacere molto per poter apprezzare questa ricetta.

INGREDIENTI:

a partire dalla cotoletta in poi 🙂

cipolla – bianca e rossa

vino – bianco secco

aceto – bianco

pepe – nero in grani

alloro

olio – extravergine di oliva

sale.

Predisponete la cotoletta avanzata su un tagliere o un piatto.

IMG_7343

Ricavatene delle strisce.

IMG_7344

Mettete i due tipi di cipolla in olio caldo ad appassire dopo averle tagliate a rondelle e cosparse con poco sale.

IMG_7338

Aggiungete alloro e pepe nero in grani.

IMG_7341

Aggiungete un mezzo bicchiere di aceto ed uno di vino bianco.

Lasciate sobollire per 5 minuti poi spegnete e fate raffreddare.

Trasferite le fettine di carne in una ciotola, coprite con tutto il composto.

IMG_7345

Coprite con una pellicola e lasciate riposare in frigorifero per almeno 24 ore.

Togliete dal frigo, lasciate andare a temperatura ambiente e servite.

IMG_7346

Fabio

 

MINI COTOLETTE AL PANE PROFUMATO

Qesto è un tipico esempio di cucina “fusion”, la cotoletta, tipico piatto meneghino con panatura calabrese 🙂 . Cuociamo in forno per tenere a bada il colesterolo (detto da me è un pò bizzarro..) e realizziamo dimensioni mini, fanno più tenerezza.

INGREDIENTI:

carne – di vitello, cuoce più in fretta e rimane più morbida. E’ adatta per questa ricetta

uova – se grandi, si fa tutto con un uovo solo 🙂 .

pane secco – grattuggiato.

formaggio parmigiano – grattuggiato.

 prezzemolo – il classico, non riccio. Finemente tritato. Utilizzate solo le foglie, evitate i rametti, si trita velocemente mettendo le foglie in un tazza e dandoci dentro con le forbici. Le verdure andrebbero trattate con lame di ceramica ma, sinceramente, in questo caso, il gioco vale la candela.

aglio – se utilizzate gli spicchi di aglio, secco o fresco,  come dovrebbe essere, se non volete addentare i pezzetti di aglio mangiando  le minicotolette, utilizzate uno spremi aglio e incorporate il succo e le sole fibre che passano dal setaccio. In alternativa per diffondere in maniera più omogeneo questo ingrediente nel composto, utilizzate l’ aglio secco in polvere.

peperoncino rosso – in polvere, dolce, la denominazione più interregionale è paprika dolce. Potete aggiungere anche un pò di quello piccante, se gradite.

pepe nero – finemente tritato.

olio di oliva extravergine.

Mettete la carne nell’uovo e lasciatevela per un pò di tempo.

cotolette in uovo

Nel frattempo preparate la panatura mescolando pangrattato, formaggio parmigiano, pepe nero, paprika dolce, prezzemolo tritato, aglio in polvere, sale.

pane profumato

Prelevate una per volta le fettine dall’uovo, passatele tra due dita per eliminare l’uovo in eccesso e impanatele accuratamente. Disponete le cotolette in una placca da forno preventivamente foderata con carta da forno oleata per bene. Aggiungete un filo di olio su ogni fettina.

minicotolette in teglia

Infornate in forno statico a 200 °C girando a metà cottura. Il tempo dipenderà dalle dimensioni e dallo spessore delle fettine. In questo caso 15 minuti in tutto, girandole dopo circa 8 minuti.

minicotolette 1

consiglio: se avete un gatto, chiamatelo a mangiare “l’ ovoletta”, ovvero l’uovo mescolato con il sangue di carne, in cui appunto la carne è stata immersa. Se non esagerate nella frequenza, un uovo ogni tanto fa benissimo al pelo del gatto. Il mio trova anche molto gustosa la cosa.

Fabio